Nell’andata degli ottavi di finale di Cev Cup la Yamamay vince per 3 set a 0 contro le azere dell’Igtisadchi Baku delle ex Fernandinha e Blom . La gara del Palayamamay è stata più equilibrata di quanto dica il risultato: fatta eccezione per il secondo set infatti, le farfalle non hanno avuto vita semplice perchè il gioco delle azere, valido e imperniato sugli attacchi dell’americana Haneef e della centrale Dugandzic , le migliori della squadra ospite, ha spesso eluso il muro bustocco. Nonostante questo la Yamamay, ancora molto bene in attacco con la coppia ceca e con Bauer ( Havelkova 45%, Havlickova 44, Bauer 75% totali ) ha sofferto, soprattutto nel terzo game, e combattutto fino al 3-0 finale che ha fatto esplodere gli oltre 1500 del Palayamamay . Ottima anche Lloyd , bene al palleggio, e Leonardi con il 59% di rice perfette e le solite difese da applausi. 9 i muri totali realizzati dalle farfalle (3 con Bauer). Ritorno giovedì 19 a Baku.

Helena Havelkova: “Abbiamo approcciato bene la partita, contro una squadra che si è dimostrata forte. Nel terzo set, come domenica a Parma, abbiamo mollato un pò la presa, abbiamo faticato ancora un pò con il pallone Mikasa, ma siamo state ancora capaci di reagire e venire fuori nel momento decisivo. Brava Aneta Havlickova ad aver messo a terra l’ultima palla. Ora pensiamo a Pesaro, con un occhio anche alla gara di ritorno a Baku: là non sarà per nulla semplice, avremo anche tutto il pubblico contro, ma andiamo per passare il turno”.

MVP Palayamamay: Helena Havelkova

La gara in pillole: nel primo set la Yamamay prova più volte a fuggire con Havlickova e Bauer, ma Baku risponde sempre con Haneef, cercatissima da Fernandinha, e Cavalcanti. Nel finale ai vantaggi decisive Havelkova (7 punti nel game con il 50% in attacco) e Bauer (5 realizzazioni e 80% in attacco), che chiude il set con un bel muro (26-24). Bene anche Leonardi in ricezione (75% perfetta). Nel secondo set la Yamamay appare più sciolta ed incisiva al servizio; le farfalle staccano subito, sfruttando le ottime idee di Carli Lloyd in regia e le martellate di Havelkova (7 punti con il 43%) in fase offensiva. Leonardi ancora ottima in rice (80% perfetta). Terzo set tutto ad inseguire per la Yamamay che soffre gli attacchi e della nuova entrata Doris e di Haneef. Nonostante tutto le bustocche recuperano e superano nel finale, ma devono ancora sudare per mettere a segno l’ultimo punto con Havlickova, che chiude uno scambio lungo ed applauditissimo.

La cronaca: Parisi schiera la formazione base, mentre Baku risponde con Fernandinha – Haneef, Pastulova – Dugandzic al centro, Blom – Cavalcanti in banda, Sano libero. Le ospiti partono bene con Haneef, ma la Yamamay risponde con il muro di Havelkova e l’attacco di Dall’Ora (5-4); due errori di Baku e il pallonetto di Marcon regalano il primo 8-5 alle farfalle, poi Dugandzic con l’ace si riporta sotto (8-7). Bauer si fa sentire sottorete (10-7) e in attacco (11-8), ma Haneef e il muro di Cavalcanti ritrovano il pari sulle ottime battute di Blom (11-11); Havlickova si diletta con il mani-out e realizza la doppietta del 14-12, Havelkova con la pipe sigla il 15-13. Marcon di classe fa suonare il 16-14, Bauer attacca e mura fino al 19-16. Baku non ci sta e torna al pari con Haneef ed il muro di Cavalcanti (19-19 tempo Parisi); nel finale Haneef risponde ad Havelkova (21-21) e la Yamamay ora deve inseguire (22-23 Cavalcanti). Havlickova passa (23-23) e Haneef commette fallo di seconda linea e regala la palla set alla Yamamay (24-23 tempo Aliyev), poi Blom annulla (24-24). Ai vantaggi le farfalle conquistano il set con la pipe di Havelkova e il murone di Bauer (26-24).

Secondo set: Parisi cambia Dall’Ora con Pisani, che lavora bene a muro e consente, grazie anche ad un’ottima Leonardi, ad Havelkova di affondare con continuità da posto 4 (4-1); Dugandzic e Cavalcanti recuperano (6-5), Baku regala poco dopo l’8-5. Marcon firma l’ace del 10-6 che fa interrompere il gioco ad Aliyev, Havelkova e Lloyd (muro) allungano fino al 12-7. Marcon e Leonardi presidiano bene la seconda linea e la coppia ceca macina punti (14-9) e Havelkova tira forte dai 9 metri l’ace del 16-10. Havlickova è la migliore nel frangente, attacca e mura il 18-12, ma Baku non molla e il muro di Fernandinha riaccende la speranza (18-14); Havlickova e due muri di Bauer spengono le velleità ospiti (21-14 tempo Aliyev) e la Yamamay vola veloce verso il 25-17 (servizio out Blom).

Terzo set: Parisi conferma Pisani mentre Baku parte con più vigore (4-6), grazie ai buoni attacchi della centrale Dugandzic (6-8). Bauer pareggia (8-8), Lloyd supera a muro (9-8), ma Baku sta avanti con il muro di Doris, centrale entrata su Pastulova (9-10); Haneef attacca e mura il 10-12, ma Lloyd pareggia poco dopo con l’ace (12-12), Havlickova tiene lo score in parità (14-14), ma Baku resta ancora avanti con il muro di Dugandzic che fissa il risultato sul 14-16. La Yamamay è troppo fallosa e Parisi deve chiamare time-out (15-18), ma Haneef picchia forte con la pipe (16-19) e Blom arriva al 18-20. Bauer, cercatissima da Lloyd, prova il recupero (19-20) e l’erroraccio di Haneef regala il pari (20-20). Baku fugge ancora con l’attacco di Doris e l’ace di Blom (20-22 tempo Parisi), la Yamamay ricuce ancora con Havelkova e Havlickova che sfrutta una gran difesa di Leonardi (22-22). Haneef tira out (23-22), Lloyd realizza il contestato ace del 24-22 ma Baku annulla con Doris e la complicità della ricezione bustocca (24-24). Havelkova trova il terzo match ball ma Dugandzic annulla (25-25), Haneef tira out il servizio (26-25), Havlickova chiude al quarto tentativo (27-25).

Il tabellino

Yamamay Busto Arsizio – Igtisadchi Baku 3-0 (26-24, 25-17, 27-25)

Yamamay Busto Arsizio: Lloyd 6, Havlickova 16, Dall’Ora 1, Leonardi (L), Marcon 4, Bauer 12, Meijners, Lotti, Caracuta ne, Havelkova 18, Pisani 2, Bisconti. All. Parisi, vice Codaro. Battute errate: 6, vincenti: 4. Muri: 9 (Bauer 3).

Igtisadchi Baku: Coimbra ne, Haneef Park 14, Dugandzic 9, Abdullayeva ne, Pastulova 7, Blom 8, Cavalcanti De Brito 8, Sano (L), Fernandinha 3, Katic ne, Ilyuta ne, Abbasova ne, Kitipova, Doris 5. All. Eldar Aliyev. Battute errate: 11, vincenti: 3. Muri: 8.

Arbitri: Aiskra ZIDANIC e Lemonia MOULA
Spettatori: 1532
Incasso: 4511 euro

Ufficio Stampa – Foto Bruno Bordin