Nella giornata di ieri, le giocatrici della Sirio Despar Perugia si sono volute schierare apertamente con la società ed hanno voluto manifestare il loro dissenso alle voci ultimamente circolate, soprattutto in riferimento al paventato mancato pagamento dei loro stipendi. Per questo hanno voluto recapitare al Presidente Onorario Carlo Iacone una lettera (firmata dalle capitane Arcangeli e Togut) dal seguente contenuto: "Le giocatrici della Despar Sirio Perugia chiedono che venga immediatamente e decisamente smentita la notizia che la Società è in grave ritardo nei pagamenti nei confronti delle proprie atlete e tesserati. Teniamo infatti a precisare che la società è stata sempre corretta e puntuale ed in particolare, in questo ultimo periodo, ci segue con attenzione e passione come è sempre stato nella sua tradizione. Se la partenza non è stata brillante la causa va, maggiormente, ricercata nella tardiva preparazione della squadra, in quanto il gruppo sta lavorando a pieno organico solo da pochi giorni. Certi articoli che, tra l'altro, non rispecchiano la verità, racano danno sia alla società che a noi atlete che con grande sacrificio cerchiamo di raggiungere quell'armonia di gruppo che per soli motivi di tempo ad oggi non è stato possibile ottenere, anche se i primi risultati stanno iniziando ad arrivare. La società ci sta molto vicino, unitamente ai tifosi che sono molto commoventi e che hanno sempre capito il nostro impegno ed il nostro attaccamento ai colori sociali. I risultati sono importantissimi e tutti li desideriamo. Il fatto di non occupare momentaneamente le posizioni "nobili" della classifica, però, non significa che la società ed il nostro gruppo siano composti da persone non all'altezza della nostra tradizione che riteniamo meriti rispetto come sempre è stato in passato" (tratto dal Giornale dell'Umbria).