Si riparte. La prima giornata del girone di ritorno mette in cartello un match di altissimo valore. L’Aprilia capolista andrà a far visita alla Cariparma Sigrade che insegue a due lunghezze, una partita dal grande contenuto tecnico, agonistico ma che soprattutto deciderà la testa della classifica. Aprilia ha la possibilità di allungare la falcata sull’inseguitrice numero uno, un successo di Parma, invece, rimetterebbe tutto in discussione, facendo così mutare la vetta. Le due squadre hanno lo stesso score (13 vittorie e 2 sconfitte) con le apriliane che hanno ottenuto un numero minore di tie-break giocati. Di certo nessuna della due si tirerà indietro, in casa pontina c’è voglia di continuare la striscia positiva di cinque vittorie consecutive, Parma dentro le proprie mura è un osso veramente duro, non ha mai perso e solo una volta è andata al quinto set.
Nel match d’andata Aprilia ha strabiliato tutti andando a vincere la partita in quattro set, e se prima era una sorpresa, ora invece una realtà che vuole attestarsi nei piani alti. Il nuovo acquisto, Monica Ravetta, ha avuto una settimana per inserirsi nei meccanismi della squadra ed è pronta e motivata a dare il proprio contributo alla causa. Parma è un’ottima formazione con giocatrici di livello come l’argentina Carolina Conti, la ceca Jana Senkova, la centrale Alessandra Crozzolin, e poi ancora Natalia Brussa, Maria Luisa Elli, un roster di primo pelo, che può contare molto anche sull’apporto della panchina.

“Dovremo vincere due volte – afferma il tecnico Luca Cristofani -. Nella gara d’andata siamo state bravi a imporci nonostante loro avessero cambiato quasi tutte le giocatrici senza però snaturare il gioco. Dovremo avere la forza di ripeterci ed essere molto attenti. Parma ha molte soluzioni d’attacco. Nel sestetto base ce la giochiamo, ma bisognerà vedere la gara che piega prenderà. Comunque ce l’andremo a giocare. In questo periodo dovremo fare un passo alla volta. Mentalmente sarà importante pensare a ogni singolo passaggio, bisogna vivere serenamente”.

Intanto il GUF ha respinto il ricorso della Sogesa Roma, avvallando il tesseramento dell'atleta Monica Ravetta dal Club Italia all'Aprilia.

Ufficio Stampa [pagebreak]

Prende il via in questo week end il girone di ritorno del campionato di serie A2 di volley femminile e per la Cedat 85 San Vito c'è in programma la trasferta in quel di Busnago, nel milanese.

Si tratta di un impegno ostico: la formazione lombarda occupa il sesto posto in classifica ed ha due lunghezze di vantaggio su quella sanvitese; già all'andata (era al suo esordio assoluto in A2), cercò di dare filo da torcere a Zanotti e compagne. La gara, come si ricorderà, si concluse con la vittoria per 3-1 a favore della Cedat 85. Il sestetto milanese vorrà sicuramente rifarsi anche perché è reduce da una battuta d'arresto, quella subìta domenica scorsa sul campo del Chieri (dove, comunque, si è battuto egregiamente).
Ma anche la squadra sanvitese deve cercare di partire con il piede giusto in questa seconda e decisiva parte del campionato: coach Lo Re sarà costretto ancora a fare i conti con l'infortunio della Repice. Il resto della truppa si è allenato regolarmente e domani si recherà in aereo a Busnago.

La gara, al pari di tutte le altre che si disputeranno in questo fine settimana, inizierà con un minuto di raccoglimento in memoria delle vittime del disastroso terremoto che ha colpito Haiti e sarà diretta dai siciliani Lucio Parlato e Roberto Guarneri. Fischio di inizio alle ore 18.

I tifosi biancazzurri potranno seguirla non soltanto in diretta radiofonica (su Teleradio Sanvito, e, in streaming, su www.volleysanvito.it) ma anche in diretta televisiva (digitale e satellitare) su Puglia Channnel (canale 844 piattaforma Sky).

Ufficio Stampa

Aprilia Volley: trasferta a Parma per decidere la testa della classifica Pag 1

Cedat 85 San Vito: contro Busnago in diretta su Puglia Channel Pag 2