D: Siete stato recentemente in Germania per il torneo di qualificazione olimpica. E' stata giusta la vittoria della Russia?

R: Senza dubbio. Ho visto tutte le gare della Russia. Non ha iniziato benissimo, ma è cresciuta nel gioco anche con l' assenza di Godina. Ho visto bene Gamova, meno bene la Sokolova, la principale stella della squadra. E mi sono piaciute l' alzatrice Sheshenina e l' attaccante Kulikova.

D: Cosa è successo all' Olanda e quali le squadre europeee che avranno possibilità?

R: L' Olanda ha sentito troppo la pressione, soprattutto dopo aver vinto il WGP lo scorso anno. Sono sicuro che Polonia e Serbia saranno a Pechino.

D:  Cosa può dire sulla Cina?

R: La Cina tornerà più forte che mai. Feng si è operata negli Usa e si sta allenando. Zhao sarà un rinforzo importantissimo. La Cina si sta già allenando ora e questo potrà fare la differenza.

D: E Cuba si sta allenando?

R: Si Cuba si sta già allenando, è una nazionale permanente. Quando la gente reclama che ci allenaimo solo 3 mesi è per questo. Vede la differenza. Cina e Cuba sono due potenza che si allenano 8 mesi l' anno per preparre le Olimpiadi. A diffrenza del Brasile, Italia, Usa e Russia.

D: Quale la favorita per l' oro?

R: Nel volley femminile non c'e' mai stato cosi' tanto equilibrio come adesso. ( squadre possono vincere la medaglia d' oro: Brasile, Cina, Cuba, Usa, Russia, Serbia, Polonia e Italia, che è la favorita. Le azzurre sono migliorate molto dall'innesto dell'Aguero, che in alcune situazioni è immarcabile.

D: Dove può arrivare il Brasile?

R: Possiamo conquistare una medaglia, abbiamo un grande potenziale, ma non sarà una tragesia se il brasile non arriver nelle quattro, visto l' equilibrio.

D: Ci saranno sorprese per la lista delle convocate?

R: Il gruppo è aperto e potrebbero esserci sorprese. Nel Wgp sono obbligato a togliere  9 atlete che hanno giocato la Coppa del Mondo. La Fivb ci obbliga a fare questo e probabilmente nelle varie competizioni mi toglierò dei dubbi.

D: C'è già quace giocatrice sicura?

 
R: Non potremmo fare a meno di Fofao. Walewska e Jacqueline stanno facendo bene in spagna e Paula e in ottima forma qui in Brasile e vuole giocare assolutamente l' Olimpiade.

D: Conta molto su Jaqueline?

R: Si, perch+ attacca, difende e dà peso al nostor gioco. E' importante per noi, deve superare i suoi limiti ed evolversi come giocatrice. Anche Sassà per esempio è una buona attaccante, è sicura nei fondamentali, deve migliorare nel muro. 

D: Per il ruolo di opposto?

R: Ho dei dubbi, ho bisogno di giocatrici versatili, come Marcelo Negro, opposto ma che murava ancora meglio.

D: Cosa è necessario per le ragazze che combattono per un posto per Pechino?

R: Non convochero' le ragazze dal posteriore molto sviluppato. Non voglio nessuna ragazza con il sedere grande, e' indice di scarsa attenzione alla forma atletica. In tre mesi di preparazione le mie ragazze dovranno volare. Non ci sara' spazio per chi sara' vanitosa o privilegia l'aspetto estetico. Nel volley femminile non c'e' mai stato cosi' tanto equilibrio come adesso e bisogna fare la differenza con la preparazione atletica. 

D: Mari tornerà?

R: Mari e altre giocatrici devono capire che la nazionale è una cosa seria. Lei ha molto talento. Ma per stare in nazionale bisogna comportarsi da giocatrice della nazional.  Impegnarsi, avere disciplina  volontà di allenarsi. Ma non vale solo per Mari, per tutte. Chi non si impegnerà andrà a casa, devono capire questo. 

D: Chi sarà la riserva di Fofao?

R: Abbiamo diverse possibilità Proveremo con Dani Lins. Anche Carol, che ha giocato al Mondiale. E' ancora una incognita.

D: Continuerà ad allenare la nazinale dopo Pechino?

R: Non ho ancora preso un decisione e non ci ho ancora pensato, a differenza di quello che pensa la gente. Molto dipernderà da come andrà il brasile a Pechino.

Il ct del Brasile Ze' Roberto rilascia una lunga intervista al "Jornal do brasil" dove parla delle aspettative in merito a Pechino, delle avversarie, delle sue giocatrici, del suo futuro nel volley e innesca qualche polemica  in merito all' immagine
 
Di seguito l' intervista completa.  Foto: LBDM