Ancora una volta una sconfitta, la terza consecutiva, purtroppo, che impedisce alla Infotel Forlì di smuovere le acque della propria (bassa) classifica. Quella contro Nocera Umbra, a dire la verità, era una partita preventivabile come ardua e complicata. Così, difatti, è effettivamente stato e, complici i soliti e ormai costanti errori della formazione di casa, le umbre hanno portato a casa i tre punti con il risultato finale di 3-1, grazie soprattutto ad una arrembante Vindevoghel.

L'allenatore di Forlì, Federico Di Toma, aveva riservato immediatamente alcune sorprese, cambiando il sestetto titolare visto fino ad allora ed inserendo dal primo minuto Ilaria Antonucci e Nellina Mazzulla. Nonostante ciò, comunque, Nocera Umbra dimostrava tutto il proprio valore e la propria superiorità, conducendo con autorità sin dal principio e portando a casa il set con relativa tranquillità. 25-20 il risultato del primo parziale, quindi, a favore della compagine ospite.

Alla ripresa del gioco Di Toma mischiava ancora le carte, facendo rientrare in campo la capitana Caponi al posto di Mazzulla. Forlì si scuoteva e partiva forte, ma si spegneva piano piano: le bande non riuscivano a pungere la difesa avversaria e, purtroppo, anche la ricezione manifestava dei cali. Il risultato del secondo set era, così, la fotocopia del primo: 25-19 in favore delle umbre, che continuavano a sbagliare di meno e apparire più concentrate su ogni pallone.

Per l'ennesima volta, ormai, il terzo set raccontava una diversa partita e, soprattutto, vedeva scendere in campo la vera Infotel Forlì, o per lo meno quella che potenzialmente potrebbe esserlo. La squadra di casa, infatti, giocava con ritrovato vigore, concedendo finalmente poco o nulla a Nocera Umbra, ma in particolare sbagliando lei stessa molto di meno. Sonja Percan e Ilaria Antonucci, su tutte, guidavano la riscossa forlivese, ben supportate comunque dalle compagne, sia al centro che a ricezione. Forlì dimostrava, così, di poter competere con una squadra davvero di elevato livello, come Nocera Umbra, essendo in grado di far suo il parziale con il risultato netto di 25-18.

Come domenica scorsa, però, i sogni di gloria svanivano ben presto e la prestazione della terza frazione si spegneva come un fuoco di paglia. Forlì sembrava essere tornata quella dei primi due set e, nuovamente, le percentuali ricominciavano a calare vorticosamente, nonostante il buon 39% in attacco di Sonja Percan. Manuela Caponi cercava, con vero spirito di capitana, di recuperare la situazione, ma la sua grinta non bastava a frenare la marcia di Nocera Umbra. Le ospiti, difatti, riuscivano a controllare la situazione andando infine a chiudere il set e, quindi, la partita sul 25-18, siglato da una scoppiettante Neudil Soraia.

La partita contro Nocera Umbra, come detto, si preannunciava molto difficile. Le previsioni, purtroppo, si sono avverate, anche se la speranza era non vedere più quegli errori che avevano condizionato le partite precedenti e che avevano fatto perdere troppi punti per strada. Ora bisogna ripartire da questo terzo set, giocato non alla pari con Nocera Umbra, ma in maniera superiore. Le potenzialità, abbiamo visto, ci sono. Quello che conta, adesso, è ritrovare uno spirito di gruppo che inculchi convinzione nelle menti delle ragazze. La squadra e i coach sono già al lavoro pensando alla delicata sfida contro Parma. Match che Forlì dovrà a tutti i costi cercare di vincere, con enorme spirito di sacrificio, per riuscire ad invertire questo trend negativo che ormai la attanaglia da svariate settimane e consentirle di risalire in classifica verso posti che, sicuramente, le competono maggiormente.

TABELLINO
Infotel Forlì – Brunelli Volley Nocera Umbra 1-3 (20-25, 19-25, 25-18, 18-25)
Infotel Forlì: Ventura 2, Agostinetto 1, Antonucci 12, Poli 2, Ballarini (L), Caponi 9, Kirkwood, Percan 15, Mazzulla 3, Rastelli (L), Parenti 8. Non entrati Gallicani. All. Di Toma Federico.
Brunelli Volley Nocera Umbra: Stacchiotti 9, Vindevoghel 18, Di Iulio 12, Sacco (L), Petrucci 1, Renzi 7, Soraia 17. Non entrati Vinciarelli, Ambrosi, Corbucci Peters, Cruciani, Ravetta. All. Marasciulo Mauro.
Arbitri: Giovanni Contini, Umberto Zanussi. Note – durata set: 22', 22', 24', 22'; totale: 90'.

Ufficio Stampa
[pagebreak]

La Linea Saldatura affronta domani sera alle 20.30 a Cremona il ritorno degli ottavi di Coppa Italia sulle ali dell’entusiasmo per i buoni risultati conseguiti in campionato, pur in formazione rimaneggiata. Il match d’andata fu pessimo e la Magic Pack, senza incantare, si impose 3-0. Alle cremonesi basta un set per passare il turno; le mantovane devono vincere 4-0: tenteranno.

Il club voltese onorerà la manifestazione, per la quale, tra l’altro, ha uno sponsor apposito. Le disponibili sono 8 ed è ovviamente confermato l’assetto con Visentin opposta.

Evelyn Marinelli non parte battuta: “Pronti via, si scende in campo ancora. Come dissi all’andata, noi abbiamo bisogno di giocare e dunque ben venga la Coppa. Certo, nelle nostre condizioni, ovvero senza cambi, è più pesante, ma – esorta il libero – cerchiamo di approfittarne per dare continuità al gioco che stiamo esprimendo e per trovare maggiore fiducia negli aspetti tattici che stiamo provando. Poi sicuramente cercheremo di fare risultato e di ribaltare la situazione. Vincere 4-0? Non è impossibile. La nostra squadra attuale non ha niente a che fare con quella che ha giocato tre settimane fa. Abbiamo alti e bassi, ma siamo in un buon momento e vogliamo proseguire nella positività e nel miglioramento”.

Formazioni.

Magic Pack Cremona: Signorile, Fanzini, Nardini, Dumler, Agostinetto, Boscoscuro, Gentili, Sacconi, Vasileva, Shopova, Muri. All. Simoncelli-Boieri.

Linea Saldatura Volta: Bragaglia, Zamora Gil, Marinelli, Zanin, Malvestito, Fratoni, Crepaldi, Astarita, Favari, Visentin. All. Masacci-Fasani.

Arbitri: Andreoni e Bertoletti di Milano.

Gli altri incontri della Coppa Italia Findomestic A2: Piacenza-Villa Cortese (and. 2-3), Parma-Donoratico (3-2), Nocera Umbra-Urbino (3-1), Roma-Aprilia (3-0), San Vito-Benevento (3-1). In caso di una vittoria per parte con lo stesso numero di set vinti/persi, si disputerà un set supplementare. Forlì (l’anno scorso in A1) e Milano (prima delle non promosse) entreranno in gioco nei quarti, in programma il 21 e 28 gennaio. Gli abbinamenti saranno stabiliti in base alla classifica del girone d’andata con il metodo playoff (1^-8^, 2^-7^, 3^-6^, 4^-5^).

Ufficio Stampa [pagebreak]

Sarà un’Asystel in versione linea verde quella che domani sera affronterà la gara di andata della seconda fase di Coppa Italia. Le asystelle saranno di scena al PalaTriccoli di Jesi, dove affronteranno la Monte Schiavo a pochi giorni di distanza dalla sfida che in campionato ha premiato la compagine marchigiana.

Come ampiamente preannunciato il tecnico Luciano Pedullà ha deciso di confermare il turn over già effettuato nel precedente turno, superato ai danni di Castellana Grotte, e nei sedicesimi di Coppa Cev.

Resteranno, così, a Novara la polacca Anna Podolec, le centrali Sara Anzanello e Paola Paggi e la regista Feng Kun, oltre a Paola Cardullo, ancora alle prese con i problemi fisici che l’hanno costretta a saltare le ultime partite. Agli ordini di mister Pedullà, invece, a Jesi ci saranno le schiacciatrici Lombardo, Barcellini, Kozuch ed Osmokrovic, le centrali Garavaglia, Rosso e Veglia, le palleggiatrici Bechis e Camera, oltre al libero Scarabelli.

"Non sottovalutiamo l’impegno di Coppa Italia – spiega il tecnico novarese – ma abbiamo la fortuna di avere un gruppo molto ampio di giocatrici e, dunque, cerchiamo in questo particolare momento della nostra stagoone di sfruttarlo, quando è possibile. Tanto più che sinora il rendimento delle nostre giovani è sempre stato molto positivo e ci ha permesso, sin qui, di centrare i nostri obiettivi, superando i turni precedenti sia in Coppa Italia, sia in Coppa Cev. L’impegno ravvicinato di campionato, poi, ci impone una gestione attenta delle forze, considerato che nelle ultime settimane abbiamo sempre giocato ogni tre giorni ed abbiamo affrontato anche delle trasferte impegnative e faticose per le ragazze. Sono fiducioso che riusciremo anche a Jesi a tenere aperto il discorso qualificazione, per poi giocarcela nel match di ritorno in casa".

Le altre asystelle seguiranno un programma di lavoro specifico, in vista dell’impegno di sabato pomeriggio a Bergamo, dove l’Asystel affronterà la Foppapedretti nell’ormai classicissima del campionato di serie A1, che sarà nuovamente ripresa dalle telecamere di Sky Sport.

Nel frattempo nella serata di martedì, Paola Cardullo e Cristina Barcellini sono state premiate nel corso del gran galà della pallavolo, organizzato dal comitato provinciale della Fipav. Il presidente Gianni Panzarasa ha premiato Cardullo per la sua partecipazione ai Giochi Olimpici di Pechino, mentre Barcellini è stata premiata come rivelazione della passata stagione, che l’ha vista inserirsi a tutti gli effetti nella rosa della prima squadra dell’Asystel.

 
Ufficio Stampa [pagebreak]
Dal campionato alle coppe: stavolta è il turno della Coppa Italia, con la Scavolini impegnata al PalaDionigi domani sera alle 20.30 contro la Lines Cesena. E’ il secondo round della fase eliminatoria, le colibrì hanno saltato la prima per ‘meriti speciali’ assieme alla Foppapedretti, sulla base della classifica della regular season dello scorso anno. La gara di ritorno si disputerà a Cesena il prossimo mercoledì alla stessa ora. Le 4 squadre vincenti la Fase 2 e le migliori quattro squadre della classifica della regular season di A1 al termine del girone di andata, escluse le vincenti della Fase 2, sono qualificate ai Quarti di Finale. Le 8 squadre ordinate secondo la classifica al termine del girone di andata della regular season vengono accoppiate come da tabellone. I quarti di finale si disputeranno il 4-5 febbraio, le semifinali il 7 e la finale l’8, secondo modalità e sede da definire.

Dirigono il match Alessandro Finocchiaro e Corrado Toso, c’è la diretta su Radio Incontro a cura di Alessandro Mainoldi (anche online su www.radioincontro.com). Rispetto alla partita di campionato, nella quale le colibrì travolsero in tre set le avversarie, sia Scavolini che Lines recuperano una pedina cruciale: la Scavolini ritrova capitan Guiggi, che ha da tempo smaltito il problema muscolare; la Lines può contare sull’opposto Fernanda Berti, punta di diamante dell’attacco romagnolo.

Il presidente delle colibrì Sandro Sardella è cauto: “Non dobbiamo certo sottovalutare le nostre avversarie” spiega “poichè teniamo moltissimo alla Coppa Italia e quindi, anche se la formula consente anche il ripescaggio delle prime quattro al termine del girone di andata, vogliamo qualificarci alle Final Eight prima possibile. La Coppa Italia è uno dei principali obiettivi della nostra stagione. E poi giochiamo in casa, e vogliamo fare bella figura davanti al nostro pubblico: stiamo tenendo un trend molto buono, e vorremmo continuare il più possibile su questa falsariga”.

Ufficio Stampa [pagebreak]

Il programma di lavoro di questa settimana ha subito delle variazioni a causa della gara di Coppa Italia. Pesi questa mattina, per alcune delle ragazze della Monte Schiavo e video più tecnica nel pomeriggio chiaramente con tutto il gruppo, a partire dalle 15.30; domani mattina, video più seduta al palasport dalle 11.30, in vista della sfida della sera con Novara. Dopo aver battuto lo Zoppas Conegliano nella Fase 1, la Monte Schiavo Banca Marche è approdata al secondo turno, nel quale affronta l'Asystel: l'andata si gioca domani, alle ore 20.30, a Jesi ed il ritorno mercoledì 26 in Piemonte.

Alla Fase 2 partecipano le sei squadre vincenti la Fase 1 e le squadre prima e seconda del ranking 2007/2008 (rispettivamente Scavolini Pesaro e Foppapedretti Bergamo) che disputano quattro incontri con la formula delle partite di andata e ritorno senza spareggio.
La gara di andata si disputa in casa delle squadre con il numero di ranking più alto: nel caso di una vittoria per parte e i due risultati identici come punteggio set, si disputerà sempre sul campo della gara di ritorno un set supplementare di spareggio.

Le quattro squadre vincenti questa fase si qualificano direttamente alla Final Eight. Le quattro squadre vincenti la Fase 2 e le migliori quattro squadre della classifica della regular season di A1 2008/2009 al termine del girone di andata, escluse le vincenti della Fase 2, sono qualificate ai Quarti di Finale.
Le otto squadre ordinate secondo la classifica al termine del girone di andata della regular season 2008/2009 vengono accoppiate in base al tabellone. Tutti i turni della Final Eight si disputano con partite uniche.

Per le gare di Coppa Italia ricordiamo che è valido l'abbonamento 2008/2009 ed è previsto al PalaTriccoli il biglietto d'ingresso unico a soli 6 euro.

Per la cena post gara, inoltre, c'è la possibilità di sfruttare una convenzione con lo Show Food di Jesi dove, esibendo la tessera di abbonamento o il biglietto d'ingresso della gara infrasettimanale, si può scegliere tra due menu a prezzo concordato.

Ufficio Stampa

Infotel Forlì: tra ko in campionato e Coppa Italia Pag 1

Linea Saldatura Volta Mantovana: domani a Cremona si cerca l'impresa Pag 2

Asystel Novara: in Coppa Italia largo alle giovani Pag 3

Scavolini Pesaro: comincia anche il cammino in Coppa Italia Pag 4

Monteschiavo Banca Marche Jesi: arriva Novara per la Coppa Italia Pag 5