Riso Scotti Pavia: Pachale 13, Borgogno 6, Terranova, Bland, Spinato, Vetri ne, Carocci(L), Lethonen 11, Horvath 14, Poma ne, Caroli 8. All. Milano.

Despar Perugia: Staelens ne, Togut 10, Crisanti 8, Casillo ne, Dushkyevich 15, Decordi ne, Arcangeli(L), Pincerato 2, Willoughby 12, Angeloni ne, Yang 7, Van Tienen, Medaglioni ne. All. Chiappafreddo.

Pavia: Bs 4, Bv 0, muri 6, err.21. Perugia: Bs 3, Bv 2, muri 12, err. 11.

Dopo quattro sconfitte consecutive ed un unico punto racimolato in avvio di stagione, arriva la prima vittoria per la Despar Sirio Perugia che si impone con il punteggio di 3-0 (21-35, 22-25, 20-25) sulla Riso Scotti Pavia.

Le due compagini si sono ritrovate di fronte a pochi giorni dalla sfida di Coppa Italia dove le ragazze di coach Milano hanno ottenuto la qualificazione al turno successivo, superando le umbre per differenza set.

In quell'occasione, il tecnico biancorosso Chiappafreddo non aveva potuto utilizzare la schiacciatrice cinese Yang, arrivata in Umbria proprio mentre al Palaevangelisti andava in scena la partita di ritorno contro le "vespe" pavesi.

Per la quinta giornata di campionato, invece, Perugia scende in campo in formazione completa con Pincerato al palleggio, Togut opposta, Willoughby e Yang schiacciatrici, Dyushkyevich e Crisanti al centro e Arcangeli libero. La Riso Scotti Pavia risponde con Spinato in cabina di regia a formare la diagonale con Lethonen, Pachale ed Horvath in banda, Borgogno e Caroli centrali, libero Carocci.

Match tutto sommato equilibrato, set che si svolgono tutti sulla stessa falsariga, con Perugia più abile nel finale di parziale a sfruttare le defaillances avversarie.

Pavia è apparsa disorientata; con Pachale e Lethonen in giornata decisamente no, la regista Spinato è costretta ad affidarsi al braccio pesante di Horvath, unica delle sue ad impensierire costantemente la difesa perugina. Al centro, Caroli e Borgogno ci provano ma senza particolari risultati. La Riso Scotti sembra la brutta copia di quella che aveva annichilito le umbre in Coppa Italia; disorientata e disorganizzata, Pavia perde più volte i punti di vantaggio accumulati nel corso del set per poi venire punita inesorabilmente dalla Despar.

Perugia, dal canto suo, gioca una partita senza acuti ma anche senza errori. Giulia Pincerato, dopo la buona prova in CHampions League, offre un'altra prestazione di livello, giostrando a proprio piacimento le compagne, nonostante una ricezione ancora imbarazzante. A regalare le soddisfazioni più grandi è la centrale ucraina Yevgenia Duchkyevich, implacabile in fast (80% di positività in attacco) e invalicabile a muro (6 punti in questo fondamentale). Anche Lucia Crisanti ci mette del suo (5 muri per lei), soffrendo tuttavia troppo in fase di attacco. La Despar riesce a limitare gli errori, tanto in attacco quanto al servizio, invertendo l'andamento che aveva caratterizzato il gioco biancorosso in questo avvio di stagione. Willoughby e Yang soffrono troppo in ricezione; se per l'americana c'era da aspettarselo, si spera che la schiacciatrice cinese, superati i problemi di ambientamento, riesca presto a dare solidità. Intanto, pur con qualche difficoltà, entrambe hanno esibito colpi spettacolari, pungendo la difesa pavese. La Sirio si è ben comportata anche in difesa e soprattutto in fase di copertura, segno che l'allenamento comincia a dare i suoi frutti.

Pur non giocando bene, Perugia porta dunque a casa la prima vittoria in campionato. C'è ancora m olto da lavorare su tecnica e tattica ma questo successo farà sicuramente bene al morale.

Diavolo Zompone

ore 16.30 (Diretta Sky Sport 2)

A Pavia: Riso Scotti Pavia – Despar Perugia 0 – 3 (21-25, 22-25, 20-25)

On-line il tabellino e articolo