L'allenatore della Minetti Vicenza Maurizio Baraldo ha partecipato ieri (domenica) al corso tecnico "USA Volleyball system, il sistema di allenamento e di gestione del match che ha portato il volley statunitense ai vertici mondiali", organizzato da Data Project in collaborazione con il Comitato Regionale FIPAV Emilia Romagna. Era presente in qualità di relatore Carl McGown, tecnico conosciuto a livello internazionale; nel suo ricco curriculum come assistente allenatore ha partecipato a sette Campionati Mondiali e sette Olimpiadi: Los Angeles (medaglia d’oro), Seoul (medaglia d’oro), Barcellona (medaglia di bronzo), Atlanta, Sydney, Atene e Pechino (medaglia d’oro).

I primi commenti sul mercato, parlano Baraldo e Muri.

Settimana leggera per le giocatrici della Minetti Vicenza che stanno continuando la preparazione agli ordini di coach Baraldo. Della rosa della prossima stagione sono presenti Marilyn Strobbe, Giada Gorini e Yumi Diago Silva, alle quali si aggiungeranno le ragazze della Novello Cama Edil Vicenza di serie B2 compatibilmente con gli impegni scolastici. Gli allenamenti riprenderanno domani (martedì) pomeriggio alle 17, per proseguire mercoledì allo stesso orario e giovedì dalle 16. Il tecnico biancorosso lavorerà inoltre a parte con la palleggiatrice Gorini. Nel programma stilato dall'allenatore della Minetti sono stati inseriti tutti i fondamentali di tecnica individuale.

MERCATO AL GIRO DI BOA. Sono già sei le giocatrici messe sotto contratto dal general manager  Giovanni Coviello per la prossima stagione. Quasi metà squadra è nota e con l'arrivo del libero Isabella Zilio quattro settimi della formazione titolare dovrebbero essere conosciuti. In attesa di sviluppi per quanto riguarda i posti quattro, la costruzione della rosa è a buon punto, dato che per la panchina si sta valutando l'inserimento di alcune delle giovani cresciute nel vivaio che nell'ultima stagione hanno militato nel campionato nazionale di B2.

IL COMMENTO DI BARALDO. Questa l'opinione del tecnico della Minetti Vicenza Maurizio Baraldo dopo i primi colpi di mercato: "Siamo messi molto bene sia con i palleggiatori che con gli opposti abbiamo due titolari più esperte come Muri e Menchova, ma anche due cambi molto validi sia con Gorini che con Diago Silva. Strobbe l'abbiamo già vista all'opera l'anno scorso in A1 e anche in queste settimane sta continuando ad allenarsi e a crescere. Zilio sarà una pedina fondamentale in ricezione e in difesa. Per adesso nel complesso non posso che essere soddisfatto dell'operato della società e, se come spero avremo le conferme di Santini e Ikic, la squadra che ne uscirà sarà sicuramente molto competitiva".

PARLA ELISA MURI. Giudizi positivi arrivano anche dalla palleggiatrice Elisa Muri: "La società mi ha tenuta informata sugli ultimi ingaggi; Zilio non la conosco personalmente ma è un ottimo libero con una buona esperienza in una A1 di alto livello oltre che nelle coppe europee. È un ruolo importante e con lei mi sento tranquilla. Con Tatiana (Menchova) mi sono già trovata bene, sono contenta di ritrovarla dopo l'anno insieme a Tortolì. Sicuramente porterà il suo grande bagaglio di esperienza. Le altre giocatrici non le conosco tanto, ma sono convinta che potremo formare un bel gruppo".

Ufficio Stampa [pagebreak]

Le giovanissime del Joy Volley Vicenza under 13 sono scese in campo ieri nella ventottesima edizione del "Trofeo delle Rose" di pallavolo, una delle tante iniziative della tradizionale Festa delle rose che per quasi un mese allieta il capoluogo vicentino.
Le biancorosse si sono aggiudicate il triangolare, giocato con la formula dei tre set obbligatori, superando prima il Torri di Quartesolo e poi l'AICS Povolaro, che ha partecipato con una formazione under 14.

Nel primo incontro di giornata il Joy Volley Vicenza non ha avuto difficoltà contro il Torri e coach Rizzi ha dato spazio a tutte le ragazze giocando con la consueta disposizione in campo che vedeva tre palleggiatori al centro ed il cambio d'ala. Il tecnico vicentino, però, ha chiesto alle sue atlete in erba di servire dall'alto, cosa vietata nel campionato FIPAV under 13 al quale hanno partecipato le biancorosse. I risultati ottenuti sono stati più che soddisfacenti e dopo aver vinto anche i primi due set della partita contro il Povolaro, con il primo posto già matematico, è stata aggiunta anche la penetrazione del palleggiatore, tutti "esperimenti" che servono alle baby biancorosse in vista della prossima stagione. Il Joy Volley ha ben reagito alla nuova difficoltà, anche se ha lasciato il parziale alle avversarie.

"Contro le coetanee del Torri abbiamo vinto facile, contro l'under 14 del Povolaro abbiamo sofferto un po' di più, come è giusto che sia, ma le ragazze sono state molto brave e si sono anche divertite" – è stato il commento del tecnico Vittorio Rizzi.

Ufficio Stampa [pagebreak]

Nel fine settimana le giovani della Nogara Vicenza sono state impegnate a Candiolo (TO) nel 12° Torneo Aido Admo organizzato dalla società A.S.D. Chisola Volley, uno dei Joy Volley Center, manifestazione a livello nazionale riservato alle categorie giovanili.
Le biancorosse, guidate da Diego Gorlin, si sono aggiudicate il terzo posto nel torneo under 14, che ha visto al via dodici formazioni: un buonissimo risultato, anche se c’è un po’ d’amarezza per come è andata la semifinale.

Sabato pomeriggio si sono svolte le partite del girone a quattro squadre, che precedeva due set obbligatori a 25 ed un punto per ogni parziale vinto. La Nogara Vicenza ha chiuso il proprio girone al primo posto a punteggio pieno, pur soffrendo nei primi parziali delle partite, vinti solamente in rimonta.
Domenica mattina le biancorosse hanno così disputato la semifinale che le ha viste opposte al San Francesco al Campo, la miglior seconda dei tre gironi. Le vicentine si sono trovate ad inseguire le avversarie per gran parte del primo set, riuscendo ad impattare sul ventunesimo punto e conquistando per prime quota 24, ma purtroppo poi si sono spente. Ben giocato, invece, il secondo set, vinto tranquillamente e 19, ma al ritorno in campo la Nogara si è trovata nuovamente ad inseguire ed un black out a metà parziale ha definitivamente sbarrato la strada al possibile recupero.
Vicenza ha così disputato la finale per il 3°-4° posto contro il Lilliput Settimo, una buona squadra che non aveva per niente sfigurato dell’altra semifinale contro il Cambiano (vincitrice del torneo) e che senza troppe difficoltà si è aggiudicata il primo set. Le biancorosse, però, sono state poi brave a fermare a muro la loro centrale migliore, che si è andata così spegnendo e con essa anche l’intera squadra, premettendo alla Nogara Vicenza di aggiudicarsi l’incontro per 2-1.

Sempre in campo Matilde Bernardi, che ha iniziato a giocare a pallavolo solamente a settembre e che non aveva trovato molto spazio durante la stagione.

Più che soddisfatto coach Gorlin: "Sabato le ragazze sono state veramente favolose, perché nonostante il viaggio hanno giocato veramente bene; sono state un po' scariche solamente in ricezione, ma in difesa, attacco e palleggio sono state molto efficaci. C'è un po' d'amaro in bocca per la semifinale, ma a questa età è facile avere dei cali di concentrazione".

Nogara Vicenza: Piano, Bernardi, De Bardi, Ifarajimi, Mantoan, Selle, Guerra, All. Gorlin

Ufficio Stampa

Minetti Vicenza: coach Baraldo all'"USA Volleyball System". Primi commenti sul mercato Pag 1

Under 13: Il "Trofeo delle Rose" va al Joy Volley Vicenza Pag 2

Under 14: Nogara Vicenza di bronzo al Torneo Aido Admo Pag 3