La LIU•JO Volley Carpi (19 punti e terza in classifica a 2 punti da Aprilia e 1 da Parma), tornata alla vittoria ad Ancona sia pure senza Saara Esko e Daria Parenti ma con Guatelli recuperata, punta subito al bis in casa domani, domenica, al PalaFerrari di Carpi contro il Volley Verona in notevole ripresa (11 punti) e balzato a centro classifica. Le 2 vittorie secche, di cui l’ultima proprio mercoledì col forte Busnago,  e le 5 sconfitte al tie break, sono un segno che la squadra veronese c’è e le manca poco per raccogliere di più come pensa coach Giuseppe Masacci: “Noi andremo a Carpi per giocarcela. Sappiamo di partire sfavoriti ma questo non vuol dire che partiamo battuti, anzi. Siamo molto carichi. La vittoria contro Busnago mi ha fatto vedere il vero Verona Volley Femminile, una squadra determinata e capace di chiudere le partite. Questo non ci deve esaltare, sia chiaro. Sappiamo che non abbiamo fatto niente se non quello di aver migliorato un po’ la classifica. A Carpi cercheremo di dare continuità alle nostre prestazioni, cercando di portare a Verona qualche punto”.

Nelle fila della LIU•JO, allenata da coach Augusto Sazzi, mancheranno ancora la bomber Saara Esko e la centrale Daria Parenti (la società cercherà di recuperarla per fine campionato, ma ovviamente è alla ricerca di una soluzione nel frattempo, n.d.r.) mentre per quanto riguarda Verona sarà ancora fuori (da fonte veronese) la centrale Silvia Carli e sono da verificare le condizioni di Nadezhda Shopova, uscita dalla sfida del PalaOlimpia in non perfette condizioni.

Al PalaFerrari, un palazzetto ormai inadeguato al pubblico che lo riempie sistematicamente con tanti altri tifosi che vorrebbero ma non possono entrare, e di questo si è accorta l’Amministrazione comunale che dovrebbe favorire le annunciate iniziative private per un nuovo impianto, a cui è interessata anche la LIU•JO del fratelli Marchi, domani, domenica, sarà nuovamente battaglia e grande pallavolo per i fortunati che riusciranno ad … entrarvi. Gli arbitri saranno i signori Gianluca Bertoletti e Fabio Bassan.

Ripreso il sorriso, facciamo prendere subito la parola al presidente e primo tifoso della LIU•JO Volley Carpi, Rino Astarita: “Venerdì sera sono andato a salutare le ragazze e a spronarle, come mio solito. Con Verona sarà dura così come con tutte le squadre, almeno fino a quando non rientrerà  almeno la Esko e anche se chi è stata chiamata a sostituirla, sia pure con assetti tattici diversi (prima la baby Saguatti, quando è mancata anche Guatelli, poi Giada Marchioron). Oggi, sabato, Daria farà la visita decisiva con il dr, Pederzini (a breve verrà presa la decisione decisiva su chi eseguirà l’intervento), mentre Saara farà un esame speciale, che e’ ancora più sicuro delle lastre, per vedere a che punto e’ la calcificazione del dito. Io, comunque e sempre, credo nella squadra e nell’impegno delle ragazze e, come ho detto, spero che la squadra abbia toccato il fondo della sfortuna e che possiamo solo risalire”.

Prima del classico giro di ‘opinioni’ tra chi sarà in campo sulla partita di domani è proprio la sfortunatissima Daria Parenti che ci dice: “Verona è una squadra con un buon mix di gioventù ed esperienza ed è abituata a lottare considerati i numerosi tie break disputati finora. Ancora una volta a Carpi servirà una prestazione di grinta e cuore visto lo stato di emergenza rispetto alla formazione titolare. Sono, però, convinta che si vedranno anche miglioramenti rispetto a domenica scorsa perché quella con Verona sarà la quarta partita col nuovo assetto tattico e non c’è ricetta migliore della pratica sul campo per acquistare sicurezze. Saluterò di persona domenica compagne  e tifosi, visto che non voglio mancare almeno alle partite casalinghe, se non nel periodo post intervento per cause di forza maggiore. In 3 mesi si è creato un gruppo speciale e farò di tutto perché questo infortunio non me ne allontani troppo. Intanto anticipo a tutta Carpi un enorme In bocca al lupo!”

In questa saga degli infortuni, che però stanno ancor di più rinsaldando il gruppo, ecco l’altra grande assente, Saara Esko: “Verona è una squadra da non sottovalutare come del resto ogni squadra, ha disputato tanti tie break quindi è una squadra abituata a lottare, ma che alterna momenti di buon gioco a momenti meno brillanti. Ieri abbiamo guardato il video e abbiamo ‘ripassato’ anche l’amichevole giocata ancora prima dell’inizio del campionato con loro, che hanno buoni elementi tipo la Nardini al centro e la Fratoni di banda”.

Per le atlete facciamo poi parlare le … presenti iniziando da Sara Paris, il super libero delle tigri biancorosse, mercoledì scorso Mvp insieme a Bacchi: “Domenica dovremo aggredire Verona dal primo punto. La vittoria di mercoledì ci ha regalato un po’ di tranquillità, ma non certo di … rilassamento! Verona ha giocatrici da non sottovalutare e sta cominciando a raccogliere i frutti del lavoro di una squadra assemblata in ritardo, ma noi andremo in campo con la cattivera giusta, questo è sicuro!”

E l’altra Mvp (e non di una sola partita, come d’altronde la Paris) Lucia Bacchi aggiunge: “Incontriamo domani una squadra che non ha ancora espresso tutto il suo potenziale e che, proprio, per questo non dobbiamo sottovalutare. Noi tra l’altro col nuovo obbligato assetto dovremo ridurre le tante ingenuità, quindi bisognerà, prima, a far bene, poi anche a buttarla sull’agonismo, il che non fa mai male!”

Mentre coach Augusto Sazzi usa anche “le ultime ore per studiare mosse e contromosse avendo molto rispetto per un’avversaria in crescita e che vorrà dare continuità alle su prestazioni”, il diesse Davide Astarita chiude i commenti così: “Noi abbiamo finalmente invertito la tendenza vincendo ad Ancona, ma quella di domenica sarà una battaglia contro una squadra molto più completa e competitiva dell’Edilcost Ancona. Basta guardare, ad esempio, che al centro la Nardini è la giocatrice con le migliori statistiche nel suo ruolo. Noi rimetteremo in campo tutto il nostro cuore e la nostra grinta, anche se giocare ogni 3 giorni, se per nessuno è facile, questa volta svantaggia un po’ noi che abbiamo affrontato l’infrasettimanale in trasferta a differenza di Verona. Poi e in questo momento la nostra rosa molto corta di certo non aiuta a recuperare in fretta le energie fisiche e mentali. Il pubblico del PalaFerrari dovrà fare, ancora una volta, fare la differenza e spingerci con tutto il suo calore, glielo chiedono le ragazze e tutti noi! Il Palazzo deve trasformarsi nella tana delle tigri … e noi faremo di tutto per vendere cara la pelle!”

Ufficio Stampa

Eccoci alla terza partita in 8 giorni, in questo piccolo tour de force che ha consentito alla Findomestic Volley Cup di rimettersi in paro dopo lo stop in occasione della World Grand Champions Cup che le azzurre di Barbolini sono andate a vincere in Giappone; per Arcangeli e compagne, quindi, tre giorni appena di tempo per riprendersi dalla battaglia al Pala Grotte e dal lunghissimo viaggio di ritorno dalla Puglia.

La settima giornata va di scena al Pala Evangelisti: arriva a Perugia la Yamamay Busto Arsizio della ex Lucia Crisanti (la centrale folignate con 5 stagioni di successi all’attivo in casa Despar, concluse proprio quest’anno emigrando nel comune lombardo).
La squadra di Carlo Parisi è attualmente la sesta forza del Campionato, ma a 8 punti il distacco con le perugine è di una sola lunghezza in questa cortissima cassifica di Campionato. Anche le bustocche sono reduci da una lotta analoga a quella della Sirio tre giorni fa, ma in casa: un match che le ha viste condurre 2-0 addirittura contro la super potenza Bergamo, prima di ritrovarsi a cedere al tie break.
L’opposto che le Farfalle schierano contro le Grifette è la temibile rumena Carmen Turlea, con al palleggio una giocatrice di altrettanta esperienza come la brasiliana Fernandinha, mentre sono ancora incerti i tempi di recupero dalla distorsione alla caviglia per la schiacciatrice De Luca, con Valeriano che dovrebbe quindi andare ad affiancare la ceca Havelkova in attacco.
Anche coach Sbano ha i suoi grattacapi: è infatti alle prese con l’infortunio della centrale ucraina Dushkyevich (l’anno scorso eletta miglior muro della Champions League), che salterà sicuramente il match; e in più ci sono da risolvere i limiti mostrati in fase conclusiva nei finali di set, gestendo la staffetta in attacco fra Lehtonen e una Vasileva in crescita vertiginosa e cercando di risolvere il rompicapo dell’alternanza fra le palleggiatrici Pincerato e Weiss (ognuna in grado di dare un apporto particolare agli equilibri di squadra: l’italiana a muro e la tedesca in velocità).
 
Il bilancio degli scontri che finora hanno opposto Perugia e Busto Arsizio in A1 vede la Despar in vantaggio di 5 vittorie a 1, ma sentiamo il Direttore Sportivo Giovanni Simoncini alla vigilia del match: “Una partita difficile contro una squadra che questo mercoledì ha rischiato di vincere contro Bergamo. Questo è il loro terzo anno nella massima serie e hanno raggiunto gradualmente un ottimo livello di gioco e organizzazione. Noi veniamo da una gara molto dispendiosa a livello fisico e psicologico, vista anche la lunga trasferta ravvicinata, ma non è di certo il momento di cercare alibi: abbiamo bisogno di punti e dobbiamo assolutamente cercare di guadagnarceli sul campo”.
Ed ecco le considerazioni del Capitano in Campo Antonina Zetova sul match oltre che sul Campionato in generale: “Naturalmente la partita di Castellana Grotte ci ha lasciato molta amarezza, ma sappiamo che il risultato finale è dipeso anche da una serie di coincidenze sfortunate che hanno consentito alla Florens di rientrare in partita: noi infatti abbiamo giocato molto bene fino alla fine del secondo set, ed è da lì che dobbiamo ripartire dato che domenica sarà una grande battaglia contro Busto Arsizio che ha delle ottime individualità: dobbiamo tenere a mente quanto di positivo fatto a Castellana e mettere in campo tutto il nostro coraggio e la grinta per riuscire a vincere”. E l’opposto bulgaro prosegue la sua riflessione riferendosi ai risultati dagli altri campi, con il primo stop di Villa Cortese a Conegliano (suadra regolata dalla Despar 3-1 domenica scorsa) e di Pesaro a Urbino, con Bergamo costretta finora a ricorrere quasi sempre al tie break per vincere: “Sono 10 anni che gioco in Italia e devo dire che non ho mai visto un Campionato con tali e tanti capovolgimenti di fronte come questo. Una spiegazione può essere che gli impegni in Nazionale abbiano dato ad alcune squadre poco tempo per lavorare sul proprio amalgama, e che quindi già nel girone di ritorno ci sarà un riequilibrio e una stabilizzazione; ma in effetti potrebbe esserci dell’altro che ancora non mi so spiegare, perchè provo in campo delle sensazioni molto particolari: mi sembra ad esempio che il fattore campo sia molto più determinante che negli anni passati e che quindi giocare in casa avvantaggi molto…staremo a vedere”. Un invito quindi ai tifosi a stringersi più che mai all’intera squadra per proseguire insieme nella risalita in classifica cominciata   domenica scorsa proprio al Pala Evangelisti con la vittoria contro Conegliano!

Queste le probabili formazioni in Campo:
Despar Perugia:
Weiss-Zetova (palleggiatore-opposto), Casillo-Leggeri (centrali), Vasileva-Quaranta (schiacciatrici), Arcangeli (libero).
Allenatore: Emanuele Sbano e Vice Allenatore Francesco Tardioli.
Yamamay Busto Arsizio:
Fernandinha-Turlea (palleggiatore-opposto), Campanaro-Crisanti (centrali), Valeriano-Havelkova (schiacciatrici), Borri (libero).
Allenatore: Carlo Parisi e Vice Allenatore Mariela Codaro.
Arbitrano: Gianluca Cappello di Sortino (Sr) e Alessandro Guerra di Napoli

FINDOMESTIC VOLLEY CUP SERIE A1
Il Programma completo della Settima Giornata:

Domenica 29 novembre

ore 16.00 (diretta Sky Sport Extra):
Scavolini Pesaro – Asystel Volley Novara

ore 18.00:
Foppapedretti Bergamo – Chateau d’Ax Urbino Volley
Despar Perugia – Yamamay Busto Arsizio
Riso Scotti Pavia – Monte Schiavo Banca Marche Jesi
Zoppas Industries Conegliano – Cgf Recycle Florens Castellana Grotte
MC-Carnaghi Villa Cortese – RebecchiLupa Piacenza

Ufficio Stampa
[pagebreak]

Domenica Piacenza sarà impegnata fuori casa per incontrare Villa Cortese nella settima giornata di campionato.

Villa Cortese è esordiente in A1 ma è formata da giocatrici di altissimo livello, fra cui stelle intenazionali come Anzanello, Berg, Secolo, Cardullo, Aguero, Cruz che hanno collezionato titoli e medaglie che sarebbe lungo elencare. In questo campionato Villa Cortese ha vinto in casa tre partite su tre ed è a un passo dal vertice della classifica, malgrado la battuta di arresto subita nell’ultima giornata.

Si tratta quindi di una trasferta particolarmente delicata per la RebecchiLupa. Per prepararsi a dovere le piacentine non hanno avuto certamente il tempo di godersi adeguatamente la bella vittoria registrata giovedì sera al PalAnguissola, che in città ha suscitato un grande entusiamo e scatenato un’ondata di commenti positivi.

La partita si giocherà al Pala Borsani di Castellanza e inizierà alle ore 18.00 sotto la direzione dgli arbirti  Umberto Ravallese e Antonino Genna.

Ufficio Stampa [pagebreak]

La VERDE BIO IPAG Noventa, a un terzo del campionato con 25 punti seconda in classifica nel girone C di B2 a 1 solo punto dalla Domovip Porcia (PN), con 3 punti di vantaggio sulla terza, la Spacciocchial.Vision Codognè (TV), e con 5 sulla quarta (la prima fuori dai play off), la Amat Micromeccanica Padova, affronta domani, domenica alle 18, fuori casa la Wolf House Cormons (GO), settima con 16 punti molto pericolosa soprattutto tra le mura amiche.

La squadra noventana ha preparato con cura la partita in settimana pur avendo dovuto fare a meno di 3 ragazze fermate dall’influenza, tra cui la capitana Chiara Medea: “Ieri, venerdì, mi sono allenata per la prima e unica volta e sabato lo sfrutterò per riposare e riprendermi completamente. Quella di Cormons sarà una partita da non sottovalutare perchè da adesso in poi in ogni gara per noi ci sarà un ostacolo in più: la nostra posizione in classifica, infatti, farà sì che ogni avversaria ci metterà quel qualcosa in più per fare bella figura e metterci i bastoni fra le ruote. Anche se quella a Cormons, per la distanza, è la nostra prima vera trasferta della stagione partiamo con le migliori intenzioni per continuare il nostro cammino ripreso sabato con la vittoria su S. Vito”.

E coach Stefano Ferrari è lapidario: “Per fortuna tutte le ragazze influenzate sono recuperabili, anche se non al 100%. Siamo sicuramente cariche per domenica e ce la metteremo tutta per fare una grande prestazione contro una squadra ben organizzata e per tornare a Noventa con i punti che ci servono per rimanere in alto”.

La palleggiatrice Cinzia Fiore, mamma per amore, fisioterapista per lavoro e pallavolista per passione, è mentalmente pronta a gestire la regia dell’assalto alle goriziane: “Ogni partita è importante ma la cosa più importante è che noi abbiamo fame di vittoria, anche se ogni squadra contro di noi darà ora il massimo. Ma noi dobbiamo essere consapevoli di questo ed affrontare tutte le squadre avversarie con rispetto ma anche con la giusta cattiveria e con la voglia di vincere, sempre!”

E Patron Salvatore Fabio chude così: “Abbiamo preparato con cura la trasferta e partiremo da Noventa alle 12 con tutta la voglia di tornare a casa con la coscienza a posto dopo aver fatto il massimo. Ogni partita ha una storia a se, ma sono sicuro che le ragazze venderanno cara la pelle in Friuli anche se la settimana ha registrato qualche defezione per l’influenza, che, però, penso, non abbia colpito solo noi. Questo è un campionato che vogliamo affrontare partita per partita. Solo alla fine chiuderemo i conti, conti che finora sono più che positivi, anche se a un terzo del cammino la strada da percorrere è ancora lunga verso quello che è il nostro obiettivo per festeggiare al meglio i nostri 40 anni di vita: la zona play off”.

Ufficio Stampa

LIU•JO Volley Carpi: il DS Astarita: “Il PalaFerrari deve trasformarsi nella tana delle tigri” Pag 1

Despar Perugia: domenica in casa contro Busto per riscattare la sconfitta infrasettimanale Pag 2

RebecchiLupa Piacenza: difficile trasferta a Villa Cortese domenica Pag 3

Verde Bio Ipag Noventa [B2 F Gir. C]: Noventa recupera le tre influenzate e domenica va a Cormons con tutto l’organico Pag 4