Lo Bianco, Del Core, Piccinini, Cardullo, Ortolani, Gioli ma anche coach Barbolini ed il suo vice mano-di-pietra Marco Bracci. Saranno questi alcuni dei nomi che verranno inneggiati a squarciagola dal sempre generoso pubblico di casa nostra nel secondo fine settimana di settembre quando nel vicentino sbarcherà la nazionale azzurra maggiore. A 13 anni dal triangolare che a Bassano aveva visto le azzurre di Velasco impegnate per cercare il pass per il Mondiale (poi arrivato ma non nel Torneo di Bassano), l’Italia torna nella terra del Palladio per 12 giorni di lavoro che culmineranno in un quadrangolare, valido test in vista dei Campionati Europei 2011. L’Italia già qualificata e detentrice del Titolo dovrà vedersela dal 22 settembre al 2 ottobre con altre 15 nazionali che si sfideranno curiosamente per il Titolo continentale in due distinte nazioni: a Belgrado in Serbia ed a Monza-Milano in Italia. La Nazionale Azzurra arriverà a Vicenza mercoledì 31 agosto dove per otto giorni lavorerà al palasport cittadino che per l’occasione sfoggerà il nuovo parquet di gioco dopo i lavori di risanamento post-alluvione annunciati ieri dall’Amministrazione Variati. Il 9, 10 ed 11 settembre il quadrangolare con altre tre nazionali non ancora ufficializzate dalla Federvolley. Ma il palasport di via Goldoni non sarà centro solitario dell’evento. Il Comitato Provinciale della Fipav infatti ha voluto coinvolgere anche Bassano del Grappa che grazie alla disponibilità del governo cittadino tornerà così ad aprire le porte del Pala Bassano alla grande pallavolo dopo aver ospitato nel 2009 il Mondiale Pre Juniores Maschile. Schio, terzo polo pallavolistico vicentino, dovrà questa volta stare alla finestra avendo ancora però vivo il ricordo del sold-out nell’amichevole dello scorso settembre della Nazionale maschile. Il Presidente del Comitato di Vicenza a cui è demandata l’organizzazione tanto del collegiale quanto del torneo, è già al lavoro con il suo staff per curare ogni dettaglio con l’obiettivo di scrivere una pagina importate nella storia della pallavolo vicentina. Ricevute con entusiasmo le piene disponibilità dai titolari dei referati dello sport dei comuni di Bassano, Alessandro Fabris e Vicenza Umberto Nicolai, il passo successivo è stato quello di fermare gli alberghi grazie anche al contributo del Consorzio Vicenzaè, necessità questa vista la concomitanza con gli eventi fieristici. Nelle prossime settimane il resto delle programmazione. “Non posso che esprimere la mia più grande soddisfazione – dichiara il presidente provinciale Fipav De Meo – perché grazie anche all’aiuto del Comitato Regionale con in primis il presidente Bilato ed il suo vice il bassanse Roberto Maso, Vicenza è stata scelta per ospitare questo evento. Certamente un premio per il nostro movimento ma anche preziosa occasione di vetrina a livello nazionale.” La Vicenza sottorete potrà farsi così bella ancora una volta per un grande evento di pallavolo che graviterà sulle due città vicentine l’attenzione dell’intero movimento pallavolistico Veneto ma non solo. (da Il giornale di Vicenza)

Fipav