Il 24 maggio a Roma Massimo Barbolini presenta la stagione delle azzurre

Martedì 24 maggio alle ore 12 a Roma, presso la sede federale di via Vitorchiano 107, il ct azzurro della nazionale femminile Massimo Barbolini terrà una conferenza stampa di presentazione della stagione 2011 delle azzurre. Un’occasione importante per conoscere le prime scelte stagionali dell’allenatore tricolore, in un anno che si preannuncia ricco di impegni. A far gli onori di casa il presidente federale Carlo Magri.

Beach World Tour: le ragazze a Mislowice, i ragazzi a Praga.

Doppio appuntamento settimanale con il World Tour 2011 che da mercoledì vedrà le coppie femminili in campo a Myslowice (Polonia), mentre gli uomini saranno di scena a Praga (Rep. Ceca). Folta la rappresentativa italiana che prenderà parte alle due tappe. Nel tabellone principale dell’appuntamento femminile saranno presenti le azzurre Cicolari-Menegatti reduci dal brillante 7° posto a Shanghai e Rosso-Giombini che tornano in coppia con l’obbiettivo di ribadire i buoni risultati d’inizio stagione. Partiranno, invece, dalle qualificazioni Gioria-Momoli e Menon-Scardigno. Nell’open maschile quattro le coppie italiane al via, tutte impegnate nelle qualificazioni: Nicolai-Lupo, i gemelli Ingrosso, Cicola-Tomatis e Casadei-Ficosecco.

Fipav

 

15 COMMENTS

  1. Ale’ il ritorno di ringo!! Speriamo bene. 1) Bisogna saper palleggiare e giocare con i centri,non basta aver !5 anni ed esser 2 metri 2) Le bande sotto l’ 1,60 per favore a casa. 3) Bisogna aver un gioco,possibilmente molto aggressivo.Della correlazione murodifesa ne abbiamo pieni gli zebedei4) Tanta palestra e pochi viaggi per il mondo.Grazie a nome di tutti.

  2. Mi sono ripreso ed orientato. Il focus è la conferenza di Mastro Lindo. Veramente il focus,quello vero, lo vorrei sotto la poltrona di qualcuno!

  3. ahah bella la battuta!!
    quest’anno universiadi, Wgp, europei…ce ne è x tutti i gusti…passando da Montreux..Serpe se adocchi qualcuna interessante comunicacelo!

  4. Mah,ognuno ha le sue preferenze e spesso si cercano cose diverse. A volte il livello non e’ poi granche’ e spesso si prende il torneo come una vacanza e per provare le seconde e terze linee.Ed e’ li che i piu’ cercheranno perche’quelle veramente brave o dan forfait o son inarrivabili per le saccocce nostrane.Sempre bello il veder all’opera i mercanti con il codazzo di questuanti come il signore con borsello di cui sopra. Gran risate per gli approcci e gli agguati nei dintorni del parterre dove troppi fan la ruota con movenze da topmanager.Salvo poi andar a saldi quando la platea e’ distratta. Buster Keaton era un dilettante.

  5. Sei poi sicura che pescare giovani straniere futuribili non sia osteggiato in forme piu’ o meno subdole dalle alte sfere ???? Ehehehe. A livello giornalistico puo’ anche esser interessante, ma ti fermi li.

  6. Vero,ci vuole pazienza.Tanta. Esprimo solo una mia opinuione e poi taccio.Anche quelli che hanno le mortadelle sugli occhi vedono che i tre palleggiatori sono Lobianco,Ferretti e Bechis.Vero che alcune han playoff e non si puo’ rompere gia’ con la nazionale da subito.Quello che mi disturba e’ che non e’ obbligatorio passar dal ClubItalia per accedere alla nazionale .In nazionale ci va chi e’ bravo.Pare che a legger alcuni nomi cio’ non sia . Piuttosto una formazione B per giustificare il tempo ed il denaro investito,da cui attingere a turno ,e partecipare con le giovincelle a tornei vari per farle giocare se ci si crede, in virtu’ di un politichese che almeno abbia senso.

  7. Di quel che fan gli altri mi interessa relativamente. Anche Cuba non esibisce Carrillo e Calderon per paura che scappino.Invece di mandarle fuori a peso d’oro e averle in nazionale ben piu’ forti ,le mettono ad arrotolar sigari assieme a Simon ed ad Arrenzuelo.Pensa ai dindi che potrebbero spillare al Fenerbache !!! Se i turkomanni riescono ad ingaggiar Usic !!! Per noi all’inizio va benissimo convocare pure la cugina del farmacista di Lissone,ma appena il campionato ed i playoff lo permetteranno mi piacerebbe che le titolari stessero assieme a cementar gruppo e gioco senza sfarfalii di sorta.I meccanismi son frutto di ore e ore di prove e riprove,non certamente di voli aerei,fusi,party,gite in giappone,beach in sardegna e amenita’ del genere. Le ragazzine che appaiono in elenco saran futuribili forse,per ora non son neanche da A2 e allora perche’ non farle allenare in formazione B da persona capace e schiva e mandarle a giocare al pari delle grandi nei tornei che contano e non,??Quando qualcuna lo merita la si chiama ,invece di averle sempre tra i piedi a far panchina o tribuna.Tanto non giocan mai e distolgono dagli obiettivi che la formazione A deve perseguire.

  8. Da molto tempo sostengo che per Olimpiadi.Mondiali eContinentali,nel ns caso Europei dobbiamo avere in squadra 12 giocatrici 12 tutte schierabili. Oggi è un po piu difficile ma non molto tempo fa c’erano solo posti in piedi in galleria!
    Senza clan di intoccabili che “questa non la voglio ,quella neppure e per giocare serena non devo avere alcuna competizione in squadra” e via cantando…Se si vince si vince tutti e tutte insieme e se si perde pure!Se no ti trovi con Rondon in campo se Leo và un attimo in crisi…. e si è visto che poi si perde!
    per far crescere le giovani?Tornei,Gran prix,Coppa del mondo,Universiadi….. colleggiali e anche magari un campionato con un gruppo fatto per competere e non per prendere sberle con 30 sconfitte per 3 a 0!