IMG_9403_4200Altra impresa della Prosecco Doc Imoco Conegliano che al Palaverde batte 3-2 l’Azeryol Baku e si gode il primato nel girone. Le ragazze di Marco Gaspari,a poche ore dalla sconfitta di Piacenza, soffrono ma s’impongono con una grandissima prova di squadra:Nikolova, la “solita”certezza,chiude con 26 punti e 3muri ma grande prova anche di Tirozzi (17punti) e l’asse centrale con una Kauffeldt che non ha fatto per nulla rimpiangere Raffa Calloni (14punti con 3muri e 3 ace). Alle ospiti non bastano Jones (8muri) e i 23 punti di Magghy Kozuch per espugnare il teraflex trevigiano.

La Prosecco Doc Imoco Conegliano,orfana della capitana Raffa Calloni, schiera Lloyd in regia con Nikolova opposta, Barazza e Kauffeldt al centro, Fiorin (nuova capitana) e Tirozzi le bande, De Gennaro libero. L’Azeryol  Baku risponde con la diagonale Silie-Kozuch, Jones e Kovalenko al centro, Di Iulio e Aliyeva i martelli, libero Thomsen.

Le ospiti partono subito forte mostrando di avere molti centimetri a muro e Conegliano comincia a soffrire. Le ragazze di Marco Gaspari non riescono ad arginare gli attacchi di Kozuch e si trovano sotto alla prima sirena (5-8).Al rientro in campo le pantere mostrano i denti e pareggiano con un gran muro di Lloyd (10-10). La battuta della stessa texana mette in seria difficoltà le azere che cedono sotto gli attacchi di Barazza e Nikolova costringendo Vercesi a fermare il gioco (14-12). Kozuch riprende nuovamente la fuga delle gialloblu ma è Fiorin a riportarle avanti al secondo time out tecnico (16-15). L’Imoco spegne la luce e subisce un parziale di 5-0 che mette in fuga le ospiti e costringe  Gaspari a fermare ben due volte il gioco (16-20). Il cuore delle pantere è immenso: Nikolova e i muri di Kauffeldt riportano in parità la gara e riaccendono il tifo di casa(21-21). Il muro di Jones crea il gap  che permette a Kozuch di chiudere il set sul 25-23 portando  sull’1-0 la gara.

Nel secondo set le pantere rientrano in campo con grande grinta e si portano subito avanti al primo stop obbligatorio (8-3). Il muro di Silie e Jones è altissimo ma l’esperienza di Fiorin tiene distanti le azere (12-8). Altro muro di Jones spaventa L’Imoco che però chiude avanti ancora al secondo stop obbligatorio (16-12). Barazza replica a Jones con un gran muro e Vercesi inserisce Parkhomenko per Silie (19-14). L’ace di Aliyeva riporta sotto le ospiti e Gaspari è costretto a fermare il gioco (19-16). L’Imoco sente il fiato al collo delle ragazze di Vercesi e comincia a sbagliare;Gaspari corre  a stoppare nuovamente il gioco (21-19). La sfuriata sveglia le gialloblu che piazzano un parziale di 4-0 con una super Tirozzi e vincono il secondo set (25-19) riportando in parità la gara

Nel terzo set Vercesi inserisce Vargas per Kovalenko e i muri della cubana portano avanti l’Azeryol  5-2 costringendo Gaspari a spendere subito un time out. Moky De Gennaro continua a fare miracoli in difesa ma in attacco Nikolova è un po imprecisa e le ospiti volano al primo stop (5-8). Kozuch e Aliyeva  fanno volare le azere con Gaspari costretto a fermare nuovamente il gioco (5-12). L’ace di Kauffeldt non basta a fermare la marcia innarestabile delle ospiti che volano avanti anche al secondo stop (10-16). Nikolova piano piano rosicchia qualche punto consentendo all’ Imoco di torrnare sotto e a Vercesi di fermare il gioco (16-20). Un muro e un attacco di Barazza tengono ancora vicine le squadre  (20-23) . Un finale palpitante con decisioni discutibili del direttore di gara permettono all’Azeryol fare suo il set con un gran muro di Jones su Fiorin (22-25).

Nel quarto, set come nel secondo, Conegliano parte forte con i muri di Nikolova e Kauffeldt portandosi subito avanti alla prima sosta (8-6). Tirozzi non sbaglia nulla al contrario di Kozuch e Vercesi è costretto a stoppare la fuga dell’Imoco (13-8). Nikolova con bolide in diagonale stretta porta avanti le venete al secondo stop (16-11). Clima infuocato ancora con l’arbitro protagonista ma una palla fuori di Alyeva e un gran muro di Lloyd portano l’Imoco a vedere il tie breack (21-14). Set chiuso rapidamente 25-15 da un bel mani fuori di Fiorin  e

Partenza ancora super dell’Imoco con Tirozzi e Kauffeldt ma Kozuch e Jones tengono l’Azeryol in scia (4-4). Fiorin fa la voce grossa e un muro di Tirozzi porta avanti le pantare al cambio di campo (8-5). L’ace di Barazza fa fermare il gioco a Vercesi (9-5). Dentro Donà per Fiorin un po in difficoltà e Nikolova continua a mettere giu palloni pesanti (13-9). La solita Tirozzi e un murazzo di Barazza fissano il risultato sul 15-10 consegnando un’importante quanto sofferta vittoria alle padrone di casa.

INTERVISTE

Marco Gaspari (all.Prosecco Doc Imoco Conegliano):Sono veramente contento della squadra che ho. Non era facile rialzarci contro una squadra così forte a tre giorni dalla sconfitta di domenica ma l’abbiamo fatto con tanto cuore e tanta grinta  dimostrando il nostro valore. Volevamo regalare ai tifosi una vittoria dopo il brutto ko di domenica.Senza Raffa abbiamo dato il massimo e Berit ha mostrato di essere all’altezza. In un girone di ferro da esordienti siamo veramente contenti essere primi. Ora godiamoci questa vittoria ma già da domani la testa andrà a sabato dove ci aspetta un’altra gara durissima contro Modena.

Angelo Vercesi (all.Azeryol Baku): Complimenti a Conegliano,al grande pubblico e a Marco Gaspari per la grande prova. Noi ci abbiamo provato anche se sapevamo che sarebbe stata una partita dura. Le ragazze hanno dato tutto e di questo sono contento. Anche noi come loro avevamo problemi di organico visto che il nostro libero è arrivato solo 3 giorni fa però stiamo crescendo e questo mi fa ben sperare.

Manuel Vanzetto